Domenica 25 maggio…Coltivando rappOrti

25maggio_WEB

Diritto alla città e orti comunitari: pratiche dal basso di resistenza e riappropriazione dello spazio pubblico.

>>alle 15.oo chicchierata nazionale tra orti comunitari verso coltivare rappOrti 3° atto

>>alle 20.oo tramonto con “Il cantico delle api. Dall’agroindustria alla scomparsa della biodiversità“, viaggio di narrazione e musica con Andrea Pierdicca e Enzo Monteverde.

Una voce, una fisarmonica e 5 faretti , che ricreano le atmosfere della ribalta di un vecchio teatro , salgono a bordo dei treni regionali con una storia importante da raccontare.
Con questo stile antico, “il cantico delle api” si ritrova a ricalcare le orme dei quasi estinti cantastorie, attraversando piccoli spazi, piazze secondarie e ritrovi spontanei. Un teatro “biologico” in cui le api, che “..trasportano parole d’amore da un fiore all’altro….”, rappresentano i fili che legano insieme il passato con il presente indicandoci, con la loro esemplarità, la strada per l’avvenire.
L’obiettivo di questo spettacolo è quello di sostenere gli apicoltori nella lotta contro i pesticidi: nemici moderni, intelligenti e letali. La morìa delle api è un “problema” che riguarda tutti.
Il loro declino ci avvisa che la vita su questo pianeta è in pericolo.
Vita che dipende soprattutto da quel “proletariato invisibile” costituito da piante, insetti, vermi, funghi, muffe, microrganismi e api.
E’ ormai accertato che i neonicotinoidi , nuove molecole sistemiche usate in agricoltura, sono la causa principale della morte delle api. L’uso di questi pesticidi rimanda ad un modo di coltivare che è cambiato, soprattutto negli ultimi trent’anni , e che si lega alle nostre scelte alimentari.
Ecco perché la morte delle api ci riguarda.
Le nostre scelte hanno la capacità di determinare il futuro delle generazioni a venire e della vita di questo pianeta.

 

>> alle 21.oo cena sociale veg

10169259_546341028808444_6041613633209465440_n

10374883_546345558807991_4739727379824768419_n

10300172_546343775474836_2462024231827923320_n

10342491_546344408808106_1794427924241674883_n

10357245_546342225474991_5515967663474586437_n

10376173_546343998808147_4743777399483230789_n

10329269_546341182141762_8888394383640151712_n

10301953_546340705475143_2505824141633291633_n

 

 

10419470_546343248808222_354305832136111320_n

About trameurbane

Trame urbane/Guerrilla Garden è un collettivo bolognese che sulla scia delle esperienze diffuse di guerrilla garden, è sensibile alla riappropriazione degli spazi e alla creazione di orti urbani dal basso convinti che possano diventare una nuova forma di piazza e di relazioni, ricostruendo un piccolo tassello di tessuto sociale urbano. In modi diversi tutti coloro che partecipano al progetto Trame urbane/Guerrilla Garden si sono occupati di nuove forme di resistenze urbane e contadine e di nuove modalità di creazione di spazi di socialità e convivialità.
This entry was posted in General. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *